Afternoon tea,

Un Tè alle cinque a casa di Gabriella per Mtchallenge

domenica, marzo 25, 2018 In Cucina con Mamma Agnese 7 Comments

Senza Valeria  non sarei mai stata dell'idea di proporvi una pausa rilassante, anzi un Afternoon Tea in tutta regola, con biscottini, tramezzini, dolcetti e the all'nglese con latte e limone.
Invece  grazie alla sfida n° 71 di Mtchallenge  ne imparo sempre una di nuova, e ve la propongo pure!! Valeria Caracciolo del Blog  Murzillo Saporito, avendo vinto la sfida precedente ha pensato bene di catapultare tutto il Club in un cottage Inglese, proprio nell'ora del'Afternoon Tea.
Essendo una vera caffeinomane, difficilmente se non a richiesta o in occasioni particolari mi ritrovo a sorseggiare del Tè, per questa prova ho ritrovato servizi e quant'altro che non usavo da tempo, compreso  tazzine, piattini e teiera di Porcellana... devo essere sincera, mi è piaciuto moltissimo, mi son sentita come stessi giocando con le bambole
THE AFTERNOON TEA  WITH ME
Ho deciso di giocare alla Principessa portando in tavola una Sponge Cake  farcita con confettura Biologica di Fragole ricoperta di cioccolato, granella di mandorle e piccoli biscottini Inglesi, dei deliziosi Sandwich  e Biscotti- tartelletta con Panna aromatizzata alla viola, per il tè ho scelto giocoforza l'unico che avevo in casa un Tè nero Darjeeling
Si dice che il rito del Tè 
pomeridiano sia dovuto ad Anna Maria Stanhope Russel, settima duchessa di Bedford, si legge che a metà pomeriggio visto un certo languorino prese a farsi servire ogni giorno verso le cinque del pane morbido e della torta, per non arrivare all'ora di cena stremata. La Duchessa di suo era una gran pettegola, fu anche coinvolta in uno scandalo a corte... a mio avviso, l'usanza che prese piede, di invitare o farsi invitare nelle dimore di corte, potesse servire oltre che a spezzare la fame anche a rimpinguarsi giorno dopo giorno di notizie fresche di giornata da spiattellare di qua e di la. Ad ogni modo da allora l'abitudine divenne collettiva e non solo ad appannaggio degli aristocratici Inglesi
Una delle regole dell'ora del tè è quella di non assaggiare mai il dolce se non  prima di aver mangiato almeno un Sandwich, del pane morbido imbottito solitamente di creme di formaggio, salumi, verdura, uova sode e quant'altro; anche questi ebbero un tutor di tutto rispetto il Conte di Sandwich, o meglio fonte dell'inventiva di un suo fedele servitore, che rispose ad una richiesta veloce ed impellente del Conte stesso, portandogli del pane morbido imbottito con della carne.
Come li vogliamo chiamare, io direi Tramezzini, il pane lo dico subito non l'ho fatto io ma l'ho preso nella mia panetteria di fiducia
LA RICETTA DEI TRAMEZZINI
Pane da tramezzini
Prosciutto cotto affumicato
Formaggio spalmabile leggero
Foglie di lattuga
Uova sode a fette
Pepe
Sale
Preparazione
Spalmare le fette, prima tagliate, con la crema di  formaggio, 
poi del prosciutto ed una foglia di lattuga; procedere a tagliandoli a metà, dopo aver completato la farcitura, stesso procedimento con la variante con le uova sode. Per mantenerli morbidi fino all'arrivo degli ospiti, copriteli con un canovaccio leggermente umido
LA RICETTA DELLA SPONGE CAKE FARCITA
Prima di tutto bisogna realizzare due pan di spagna, del diametro di 16 cm cadauno
Ingredienti
4 Uova
250 g di zucchero
200 g di farina
1 bustina di lievito
150 g di cioccolato fondente
50 g di burro
granella di mandorle
Foderare le tortiere con la carta da forno, facendo attenzione di realizzare per i bordi un rivestimento più alto di almeno tre centimetri.
Montare le uova con lo zucchero, incorporare la farina ed il lievito setacciati. Versare nelle tortiere, infornare  per circa 40 minuti a 180°. Dopo averla fatta raffreddare farcite unendo le due torte, non prima di avere ben spalmato la superficie di una torta con uno bello strato di confettura di fragole.Fate sciogliere la cioccolata fondente a bagnomaria con il burro, procedere con una spatola a ricoprire il dolce, sulla sommità cospargere con la granella di mandorle e dei biscotti o scones al cioccolato ricoperti di zucchero a velo.
Non potevo non proporre degli Scones, ma in una veste leggermente diversa, a forma di tartelletta, con una golosa panna aromatizzata alla violetta.
LA RICETTA DELLE TARTELLETTE
Per realizzare questa proposta dovete munirvi di stampini appositi, se non li possedete, ne usciranno degli ottimi biscottini
Ingredienti
200 g di farina
40 g di zucchero
150 ml di latte
20 g di cacao amaro
50 g di burro a temperatura ambiente
10 g di lievito per dolci
Versare gli ingredienti, tranne il latte in una ciotola, lavorare per bene, con le mani, unire per ultimo il latte amalgamare il tutto, e formare un panetto, lasciare riposare per circa mezzora coperto da pellicola. Passato il tempo ricopre con del burro gli stampini, fare aderire per bene la quantità di pasta adeguata, spennellare con del latte, infornare per circa 15/20 minuti a seconda del forno in vostro possesso. Lasciarli raffreddare per bene, montare la panna con un pizzico di sale, dello zucchero a velo ed alcune gocce di essenza violetta ad uso alimentare, con una siringa riempire le tartellette a vostro piacere, sulla sommità una bella violetta come abbellimento.
Se doveste avanzare della pasta, usatela per gli scones tradizionali, o per deliziosi biscottini da unire all'appuntamento delle cinque.

Grazie mille a Valeria per avermi dato l'opportunità di ritornare ragazzina, tra dolcetti e servizi di porcellana.

7 commenti:

  1. E' proprio invitante questo tè. La sponge cake mi intriga moltissimo. Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tina, questa volta è stato proprio un bel gioco ^_^
      Buona giornata

      Elimina
  2. Grazie mille a Valeria per avermi dato l'opportunità di ritornare ragazzina, tra dolcetti e servizi di porcellana.

    RispondiElimina
  3. caspita... una tavola stupenda! Compimenti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Simona, che chiccheria?? A volte è proprio bello giocare a fare le principesse, come da bambine.....

      Elimina
  4. Sono felice che ti sia divertita. In effetti un pó tutte da bambine abbiamo preparato un té per le nostre bambole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccoti qui Valeria, senza foto, e senza occhiali manco ti avevo vista!!
      Si mi sono divertita, a dire la verità un po mi piacerebbe avere delle giornate lente e rilassanti e poter condividere un tea o un caffè comodamente seduta a godermi sandwich e dolcetti... ma lo dovrei prendere da sola, anche quando ho tempo... oramai il piacere di una pausa, almeno qui da noi è passata di moda. Comunque si mi sono divertita come una bambina e le sue bambole di porcellana ;)
      Ciao alla prossima sfida!!

      Elimina

Chi inserisce un commento deve essere consapevole che ACCONSENTE a pubblicare il link al proprio profilo tra i commenti. Prima di commentare, consultare la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.